Lana caratteristiche
La lana: caratteristiche e proprietà

Da dove si ottiene la lana? Quante tipologie esistono?

Universalmente nota, la lana rappresenta una fibra tessile di origine naturale. Nonostante l’immagine di questo tessuto sia normalmente associata alle pecore e alle capre, in realtà è possibile ricavarla anche dalla tosatura di altri animali; i più conosciuti sono lama, cammelli e yak.
Molto pregiata è la varietà merinos, ottenuta da pecore abituate a vivere in allevamenti caratterizzati da elevate escursioni termiche, e frequentemente esposti ad intemperie e parassiti. Da queste condizioni difficili nasce un filato sottile e molto leggero, in grado di mantenere inalterata la temperatura corporea senza far sudare, che non teme acari (e parassiti in genere) e ottima nel favorire l’evaporazione dell’umidità.

L’alpaca, un particolare camelide, dà origine al filato omonimo. Le molteplici tonalità disponibili (nero, bianco, marrone e beige in primis) sono la diretta conseguenza dei colori assunti dal mantello. Il tessuto d’alpaca sorprende anche per la sua leggerezza, e non infeltrisce anche se sottoposto a lavaggi ripetuti.
Il cashmere, invece, si ricava dal vello di una razza di capra diffusa in Mongolia e Tibet. Incredibilmente morbida, garantisce una protezione ottimale dal freddo. A meritare un breve cenno sono anche le varietà Shetland, dalle numerose colorazioni, ruvida e resistente, e la Mohair, morbida e leggera ma molto calda, impiegata solitamente per la produzione di maglie traforate.

Le proprietà termiche di questo filato naturale

Nel mondo della moda, uno dei filati più utilizzati trova ampio impiego soprattutto nella produzione di indumenti invernali; si tratta, infatti, di un eccellente isolante termico. Non è raro il suo utilizzo nell’ambito della maglieria intima in virtù della capacità di assorbire calore e umidità (è igroscopica) e al fatto di essere particolarmente traspirante. Beneficia di un punto di infiammabilità decisamente alto; è questo a permetterle di recitare un ruolo importante nella produzione di tappeti e tessuti d’arredo. Anche quando viene intaccata dalle fiamme difficilmente queste ultime riescono a propagarsi.

I vantaggi del vestirsi con un capo in tessuto naturale rispetto ad un capo sintetico

Quali sono i motivi che dovrebbero indurvi a scegliere un capo realizzato con questo filato naturale, preferendolo ai tessuti sintetici oggi molto popolari? Occorre considerare, innanzitutto, che i primi sono oggetto di un’estrazione che ha luogo senza ricorrere a tossine o a processi chimici. È importante sottolineare come i tessuti naturali siano completamente biodegradabili e, di conseguenza, si propongano come scelta ideale per chi ha a cuore la salute e il futuro del nostro pianeta. Optare per i sintetici significa indossare un capo poco traspirante, facilmente infiammabile e destinato ad essere lavato frequentemente. Non può essere tralasciato il fatto che tali tessuti finiscono spesso per essere la prima causa di allergie ed irritazioni alla pelle.

Cosa caratterizza i capi d’abbigliamento Altalana?

Siete alla ricerca di abiti confortevoli ed eleganti che, allo stesso tempo, riescano a distinguersi per il gusto contemporaneo? Altalana è pronta ad essere il vostro punto di riferimento in merito. Adottando filati naturali, dalla seta al cashmere, questa realtà nata in Toscana nel 2013 continua ad offrire il suo contributo per esportare la qualità del Made in Italy nel mondo. La volontà di vestire con semplicità senza rinunciare all’eleganza è evidente già dal termine ideato da Altalana stessa per promuovere le sue creazioni: Easywear.